Cerca
Euro
IT
Prodotti
    Menu Close

    RS-MODEL

    Ordina per
    Visualizza per pagina
    Immagine di 1/72 DFS-230 UNTERNEHMEN EICHE

    1/72 DFS-230 UNTERNEHMEN EICHE

    I lavori di costruzione dell'aliante denominato DFS 230 sono stati eseguiti dall'Ing. Hans Jakobs. Doveva essere una macchina di costruzione convenzionale. La struttura lignea delle ali era nella parte anteriore rivestita di compensato aeronautico, e nei restanti due terzi con tela, anche lunghi alettoni con lembi di bilanciamento erano ricoperti di tela, coprendo più della metà della campata. L'aliante era un'ala dorsale e le ali erano inoltre collegate alla fusoliera da due supporti metallici. Lo scafo era costituito da una capriata d'acciaio ricoperta di lino. Un pattino di atterraggio è fissato sotto la sua parte anteriore e centrale. Per il decollo è stato utilizzato un carrello eiettore a due ruote. La capacità di carico dell'aliante era stimata in 1200 kg, che corrispondeva al comando di un pilota, nove soldati con equipaggiamento e equipaggiamento aggiuntivo fino a circa 300 kg. Una grande porta di carico del carico si trova sul lato sinistro, appena dietro il lobo. Il Ju 52 / 3m era stato progettato come aereo da rimorchio, ma durante la guerra furono usati a questo scopo mosaici di vario tipo, es. Ju 87, He 46, Hs 126, Avia B-534, Do 17, e anche un tentativo fu realizzato per trainare un DFS 230 a pieno carico dietro una coppia di aerei Hs 72. Di solito veniva utilizzata la fune per il traino, ma si tentava anche il traino rigido. Tale volo è avvenuto, ad esempio, per un Ju 52 / 3m sulla rotta Darmstadt-Amburgo-Monaco di Baviera-Darmstadt. Fin dall'inizio, DFS ha lavorato a stretto contatto con la Gothaer Wagonfabrik, che doveva realizzare la produzione in serie di queste macchine. Il primo prototipo DFS 230 V1 fu pilotato alla fine del 1937 da Hanna Reitsch. Subito dopo, Hanna Reitsch ha effettuato voli dimostrativi di fronte a un corpo di alti ufficiali della Luftwaffe. Nell'autunno del 1938, come parte della 7th Aviation Division, una divisione di volo a vela comandata dal 2nd Lt. Weiss. All'inizio del 1940 fu formato l'I./Luftlandegeschwader 1 (reggimento di atterraggio aereo). La prima operazione di questa unità ebbe luogo il 10 maggio 1940. Tra le 4:30 e le 4:40, quarantadue Junkers Ju 52 / 3m ciascuno con un aliante DFS 230 nel raggio sono decollati dagli aeroporti di Ostheim e Butzweilerhof vicino a Colonia. Sui ponti degli alianti c'erano soldati paracadutisti organizzati nei cosiddetti Sturmabteilung Koch (SA Koch, Divisione d'assalto di Koch). Entro la fine del 1940 erano stati prodotti 455 DFS 230A-1. Fu prodotta anche una versione del DFS 230B-1, dotata di paracadute frenante per accorciare la distanza di atterraggio. Per autodifesa, in questa versione è stata montata la mitragliatrice MG 15, montata appena dietro l'abitacolo del pilota. Nel 1942 furono effettuate prove con il tipo di sollevamento in aria degli alianti DFS 230, al posto del traino, il cosiddetto Mistelschlepp. Mistelschlepp significava il montaggio sul retro dell'aliante su una speciale impalcatura dell'aereo, la cui unità di propulsione veniva utilizzata per azionare l'intero set. Inizialmente sono stati utilizzati i set DFS 230 e Klemm Kl 35. Il motore Klemm Kl 35V era tuttavia troppo debole per consentire a entrambe le macchine di avviarsi e il Ju 52 / 3m è stato utilizzato come unità di traino durante il decollo. Ben presto il Kl 25B fu sostituito nelle prove dal Fw 56 e poi dal Messerschmitt Bf 109E-1; quest'ultima composizione doveva essere definitiva. Nonostante i tentativi riusciti, il metodo Mistelschlepp non è stato utilizzato operativamente. Uno dei metodi utilizzati da DFS per ridurre la distanza di arresto era l'uso di razzi freno della società rheinmetall-Borsig. Quando il pilota si è avvicinato al luogo di atterraggio, si è tuffato poco prima di toccare terra, ha rilasciato il paracadute frenante e quando lo skid ha toccato terra, ha sparato il primo dei tre razzi. Il resto è stato sparato automaticamente in brevi sequenze di tempo. L'azione dei razzi frenanti è stata così efficace da limitare il lancio di una media di 16 metri. Soprattutto per la liberazione di Benito Mussolini, rinchiuso in un albergo di montagna in cima al massiccio del Gran Sasso, diversi DFS 230B-1 sono stati convertiti in una versione C-1 dotata di razzi freno. L'azione è stata un successo e l'uso di successo dei razzi freno ha portato allo sviluppo della versione DFS 230D-1, che presentava una cellula B-1 standard con un muso della fusoliera ricostruito che ospitava tre razzi. Sono stati prodotti un totale di 1022 alianti DFS 230.
    €25.60
    Immagine di 1/72 DORNIER 22 4

    1/72 DORNIER 22 4

    Il Dornier Do 22 era un idrovolante tedesco ad ala alta con carro galleggiante fisso del periodo tra le due guerre e della seconda guerra mondiale. Il volo prototipo ha avuto luogo nel 1938. La produzione in serie è stata effettuata negli anni 1938-1939. Nel suo corso furono costruiti circa 30 velivoli di questo tipo. La trasmissione era fornita da un unico motore Hispano-Suiza 12Ybrs con 860 CV. La lunghezza del velivolo era di 13,1 metri con un'apertura alare di 16,2 metri. L'armamento del ponte consisteva in 2-3 mitragliatrici da 7,62 o 7,92 mm. La macchina poteva anche trasportare un carico di bombe fino a 200 kg o un siluro fino a 800 kg. Il velivolo Do 22 è stato sviluppato presso lo stabilimento aeronautico Dornier Flugzeugwerke sulla base di un prototipo di macchina designato come Do C3 dallo stesso produttore. Il Dornier Do 22 è stato progettato principalmente pensando ai mercati di esportazione europei, e quindi aveva un design semplificato e piuttosto conservativo, ma mostrava anche almeno buone prestazioni e proprietà di volo. L'aereo è stato acquistato in piccole quantità da Grecia, Finlandia, Jugoslavia e Lettonia. Macchine di questo tipo hanno partecipato in misura limitata al corso della seconda guerra mondiale. Vale la pena aggiungere che il produttore ha creato anche una versione con telaio a ruote (Do 22L), ma non è entrata in produzione. La Finlandia, d'altra parte, ha dotato alcuni dei suoi Do 22 di sci e li ha utilizzati su un telaio del genere fino al 1944.
    €48.50